Al momento stai visualizzando I primi passi della Bottega e dell’Agribistrò Nata Terra

I primi passi della Bottega e dell’Agribistrò Nata Terra

  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Grazie al progetto Nata Terra, sostenuto da Fondazione CON IL SUD, avviati i lavori in muratura dell’Agri-bistrot  Nata Terra della cooperativa sociale Osiride, a Cellole.

Il piano di costruzione dell’Agri- Bistrot è passato nelle mani delle esperte mani di muratori e carpentieri e  presto sarà possibile degustare l’olio Nata Terra all’interno del Frantoio . L’idea è della cooperativa sociale Osiride che dal 2020 ha dato il via, con un impianto di ultima generazione Mori-Tem forma 750 a 2 fasi con ciclo continuo, alla produzione dell’olio extra vergine di oliva Nata Terra: succo vivo e gustoso di cultivar come il Leccino, l’Itrana, la Frantoiana e la Sessana, coltivate con metodi di Agricoltura Biologica. Grazie all’Agri-bistrot, parte del progetto Nata Terra sostenuto da Fondazione CON IL SUD, si rafforzerà il canale della filiera corta anche per la vendita di prodotti gastronomici del territorio, rigorosamente biologici e realizzati da contadini, allevatori e cooperatori in particolar modo della provincia di Caserta.

La scelta di costruire all’interno del nostro Frantoio una bottega per la degustazione e per la commercializzazione dell’olio nasce – spiega il presidente Ciro Maisto – dal desiderio di agevolare i produttori locali e assicurare i consumatori rispetto alla qualità dei prodotti. In linea con la vocazione della nostra cooperativa sociale, che da 15 anni lavora per l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, l’ulteriore diversificazione del mercato ci consentirà di fare formazione e creare occupazione”. L’olio Nata Terra fa già parte della Lodo Guide ed è entrato nella Guida agli extravergini di Slow Food Italia fino ad ottenere nel 2022 il riconoscimento EVO IOOC Italy – Gold Medal, tra i primi cinque concorsi internazionali dell’ilio extravergine e primo in Italia. Con l’Agri-bistrot sarà anche rafforzata l’area del turismo sostenibile della cooperativa nell’intenzione di promuovere il consumo di un cibo etico e sostenibile.

Lascia un commento