Al momento stai visualizzando Il teatro come strumento di crescita e condivisione

Il teatro come strumento di crescita e condivisione

  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Il Centro Diurno Polifunzionale “Progetto Insieme”, gestito dalla Cooperativa sociale Osiride, promuove percorsi e iniziative che mirano all’innovazione e all’inclusione per i propri utenti. Attraverso il teatro, questa struttura offre non solo un’esperienza artistica, ma un viaggio profondo nell’esplorazione di sé stessi e dei propri rapporti con gli altri.

L’approccio terapeutico del teatro non è solo un metodo per intraprendere un percorso di autoconoscenza, ma anche un modo per connettersi con gli altri e comprendere la propria unicità. Attraverso l’espressione corporea, la gestione delle emozioni e l’interpretazione di personaggi, i partecipanti del Centro Diurno scoprono nuove dimensioni di sé stessi e rafforzano il senso di comunità.

In occasione della 62esima Giornata Mondiale del Teatro, i ragazzi del Centro Diurno hanno creato un breve video che celebra la loro dedizione e impegno verso questa disciplina. Attraverso le loro parole e le loro performance, emerge la profonda connessione che hanno sviluppato con il teatro e il valore che esso ha aggiunto alle loro vite.

Sotto la guida esperta del Maestro A. De Clemente, gli utenti del Centro Diurno continuano il loro percorso teatrale rafforzando la loro crescita emotiva e creativa. Attraverso esercizi mirati sulla gestione delle emozioni, sulla comunicazione non verbale e sull’espressione vocale, essi acquisiscono strumenti preziosi per affrontare le sfide quotidiane e interagire in modo più consapevole con il mondo esterno.

Il Centro Diurno Polifunzionale “Progetto Insieme” dimostra con successo come il teatro possa essere un catalizzatore per la crescita personale e l’inclusione sociale. Attraverso l’esplorazione delle emozioni, la creazione artistica e la condivisione di esperienze, i partecipanti imparano a guardare sé stessi e gli altri con occhi diversi, rafforzando il legame che li unisce e aprendo nuove porte verso un futuro di consapevolezza e accettazione.

Lascia un commento